Piano Sulcis Sardegna: la KiteGeneration e un progetto per lo sviluppo di Punta Trettu nel Sulcis Iglesiente

Sede della KiteGeneration a Punta Trettu
KiteGeneration @ Punta Trettu

Nata da un’idea di Lucas Rey, Matias Rey e Riccardo Mereu, la KiteGeneration ha sempre creduto in uno sviluppo sostenibile del territorio della Sardegna. Forte di questa credenza, la KiteGeneration ha investito nella Località di Punta Trettu, nel Comune di San Giovanni Suergiu, nel Sulcis Iglesiente, con un progetto incentrato sul turismo attivo ed eco-sostenibile. Tale progetto, iniziato alla fine del 2017, è stato possibile anche grazie al Piano Sulcis, un fondo per il rilancio del sistema economico e per la valorizzazione delle potenzialità del territorio del Sulcis Iglesiente.

Gruppo Loghi Piano Sulcis
Loghi Piano Sulcis

Il Progetto della KiteGeneration a Punta Trettu

Introduzione

L’area del Sulcis, dopo la forte crisi mineraria ed industriale che l’ha resa una delle aree più depresse d’Italia e dell’Europa occidentale, ha nel turismo uno dei settori con il maggiore potenziale per rilancio economico e sociale del territorio. Tale potenziale è legato principalmente alla valorizzazione delle attrazioni naturali, costiere e interne, e del patrimonio minerario industriale che rappresenta un esempio di museo industriale diffuso sul territorio. In tale contesto, una delle aree con un forte potenziale turistico è quella di San Giovanni Suergiu ed in particolare la zona costiera di Punta Trettu, storicamente adibita all’attività di pesca ed itticoltura, e recentemente diventata un punto di riferimento per la pratica di sport acquatici come il kitesurf. Difatti, la costante presenza di vento, abbinata all’acqua piatta di Punta Trettu, rende tale località un luogo ideale per la pratica in sicurezza del kitesurf e rappresenta una condizione rara e particolarmente apprezzata dai praticanti di questo sport. Punta Trettu sta acquisendo sempre maggiore notorietà anche al di fuori del contesto del Sud-Sardegna grazie alla costante presenza di turisti, che ogni anno visitano la zona e che contribuiscono ad aumentare la notorietà sia a livello nazionale e soprattutto europeo ed extraeuropeo.

Il progetto

Il sempre maggiore flusso di turisti nell’area di Punta Trettu, non era ancora affiancato in maniera adeguata da un’offerta di servizi che ne permettesse la sua valorizzare in termini di organizzazione e di offerta turistico-ricettiva.

Al fine di colmare questa carenza di servizi, di valorizzarne le risorse locali e di creare un volano per il settore turistico locale, la KiteGeneration Srls ha realizzato una struttura che offre servizi quali attività sportive sostenibili a ridotto impatto ambientale. Le due tipologie principali di servizi offerti dalla KiteGeneration sono:

  1. Attività sportive-ricreative,
  2. Servizi di ristorazione e di ricettività.

Le attività sportive-ricreative

Le attività sportive-ricreative proposte si fondano sul rispetto e sulla valorizzazione del territorio. Tali attività sportive-ricreative, sono sia attività strettamente legate alla zona costiera e al mare, sia attività legate alle risorse ambientali dell’interno: corsi ed escursioni, fornitura dell’attrezzatura e dei servizi necessari per poter praticare, in tutta sicurezza, tali attività. Tra le attività proposte ci sono il kitesurf, il sup, il surf, lo snorkeling, le escursioni, il trekking e il cicloturismo.

I servizi di ristorazione e di ricettività

I servizi di ristorazione e di ricettività sono strettamente legati alle attività sportivo-ricreative precedente descritte. Sono rivolti sia al pubblico locale che turistico e consentono di garantire la sostenibilità dell’iniziativa e di dare supporto logistico e fisiologico a coloro che visitano il territorio.

Somministrazione di bevande e alimenti

Un ambiente senza barriere linguistiche e tecnologiche sono le altre caratteristiche necessarie per risultare sempre più parte integrata del territorio e per garantire un un’offerta turistica adeguata e competitiva rispetto alle altre mete turistiche europee ed extraeuropee.

A tal fine è prevista la realizzazione di un accogliente spazio che consenta la somministrazione e il consumo di alimenti e bevande, creando un punto di ristoro, di aggregazione e di coinvolgimento dei turisti con la realtà locale del territorio. Tale luogo di ristoro, aggregazione e coinvolgimento rende Punta Trettu fruibile anche a coloro che non risultano attive negli sport velici, per i quali, come detto in precedenza, la zona è conosciuta. Spesso, infatti, una delle discriminanti nella scelta della destinazione finale, da parte di chi pratica gli sport velici, è spesso legata, oltre che alle condizioni ambientali, anche alla presenza di servizi adeguati per i propri accompagnatori. Questo è particolarmente vero nel caso di target quali famiglie o gruppi di amici, in cui non tutti i componenti amano praticare una stessa attività.

La struttura ricettiva

Oltre al luogo di ristoro, aggregazione e coinvolgimento menzionato pocanzi, è presente anche una struttura ricettiva che garantisce un aumento della capacità ricettiva della zona, sottodimensionata rispetto al numero di visitatori attuali. Tale soluzione permette di limitare quel fenomeno di turismo esclusivamente diurno che nel passato ha caratterizzato la zona e che ne ha limitato il pieno sfruttamento della componente turistica (senza una adeguata offerta ricettiva, infatti, il turista è portato a soggiornare in altre aree maggiormente servite quali Cagliari e Sant’Antioco).

 

Con la speranza che altre persone e società abbiano la voglia e riescano a migliorare il territorio del Sulcis iglesiente,

Vi invitiamo a visitarci presso il nostro centro (trovate la posizione nella mappa google qua sotto).

A presto e al prossimo progetto

Lucas, Matias, Riccardo